Stati Generali Green Economy

Quando si parla di buone pratiche connesse all’economia circolare, l’Italia risulta al primo posto in Europa, superando Regno Unito, Francia, Germania e Spagna.

La notizia arriva dal Rapporto Circular Economy Network presentato quest’anno da ENEA – Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. Un primato che trae sostanza dal numero in crescita di imprese green.

Di questa roadmap ecologica, in Emilia Romagna, fa parte Ecovillaggio Montale, ecoquartiere in espansione e sviluppo, simbolo dell’innovazione dell’abitare e della responsabilità sociale. Ad oggi vivono in Ecovillaggio 70 famiglie.

Ecovillaggio, definito da Italia che Cambia Agente del Cambiamento, tornerà ad Ecomondo per approfondire e applicare idee e proposte connesse alla Green & Circular Economy. All’inaugurazione sarà presente il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

L’evento fieristico aprirà battenti il 5 novembre con gli Stati Generali promossi dal Consiglio Nazionale della Green Economy, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico.

ECOVILLAGGIO IN TOUR A ECOMONDO

Ecomondo si conferma piattaforma di incontro, aggiornamento sul presente e futuro della sfida climatica globale. Gli obiettivi delineati da Agenda Europea 2030 si intrecceranno con indici e risultati concreti raggiunti dal nostro Paese e dalla Regione Emilia Romagna in termini di efficienza energetica, mobilità, ed altri settori fondamentali per lo sviluppo sostenibile del Paese.

Tema centrale degli Stati Generali sarà “Per un Green New Deal in Italia e in Europa”, con l’obiettivo di affrontare la crisi ambientale, a partire da quella climatica, la bassa crescita economica e la crescente disuguaglianza.

Anche quest’anno la sostenibilità ambientale applicata al settore dell’edilizia sarà uno dei principali focus di ECOMONDO. Un tema interessante per il “tour fieristico” di Ecovillaggio, modello imprenditoriale con una logica win-win ( logica che favorisce la vittoria di tutti i portatori di interesse, quindi il raggiungimento degli obiettivi prefissati).

Ecovillaggio sta affrontando la sfida climatica attraverso la scelta di soluzioni tecnologiche e metodi costruttivi che puntano ad aumentare la qualità di vita degli abitanti favorendo al contempo lo sviluppo socioeconomico del territorio in chiave ecologica.

 

ECOMONDO E IL FOCUS DEGLI “STATI GENERALI 2019”

In Europa la nuova Commissione europea e in Italia il nuovo Governo avanzano la proposta del “Green New Deal”(letteralmente un NUOVO PATTO VERDE) per affrontare la crisi ambientale, a partire da quella climatica, trovando soluzioni per una crescita economica attraverso modelli di consumo socialmente responsabili.

All’interno del dibattito si affronterà lo sviluppo di un piano nazionale di rigenerazione urbana che, come altri settori, vede al primo piano il raggiungimento della carbon neutrality entro il 2030. Obiettivo che Ecovillaggio sta sostenendo fin dalla sua nascita con la costruzione di eco-residenze ad elevato comfort, dal 2012 certificate nZEB (Nearly Zero Energy Buildings)

Perché i cittadini dovrebbero partecipare ad Ecomondo?

  • Per approfondire e aggiornarsi sui temi economici e ambientali più attuali.
  • Per confrontarsi sulle sfide del futuro in campo di sostenibilità.
  • Per fare networking con imprese e operatori di settore che offrono soluzioni oltre che modelli di consumo positivi.

 

 

Condividi su