Il maltempo non molla la presa in Emilia Romagna e la provincia di Modena è stata colpita domenica 17 novembre da un forte nubifragio.

Oltre il contrasto, l’adattamento ai cambiamenti climatici è fondamentale per garantire sicurezza e comfort abitativo. L’esempio concreto di Ecovillaggio Montale, ecoquartiere sostenibile, che “risponde bene” alla nuova bomba d’acqua grazie ad una progettazione urbanistica che tiene conto della frequenza ravvicinata di eventi meteoclimatici estremi.

In Ecovillaggio la capacità di resilienza e le misure di prevenzione attuate limitano i rischi e i danni che potrebbero verificarsi come conseguenza di alluvioni o nubifragi.

Va aggiunto che i benefici generati dalla progettazione di Ecovillaggio si estendono al di fuori dell’ecoquartiere stesso. Infatti mantenendo l’acqua di questi forti eventi piovosi nella sua area, evita che essa arrivi nei fiumi riducendo le possibilità di esondazione. Inoltre mandando in falda l’acqua piovana, essa viene resa disponibile a tutti, non solo per Ecovillaggio.

COSA SUCCEDE IN ECOVILLAGGIO SE ARRIVA UN NUBIFRAGIO?

Grazie alla meticolosa realizzazione di una rete di regimentazione delle acque  in Ecovillaggio l’acqua viene mantenuta in loco dandole il tempo di fitodepurarsi e di raggiungere la falda sottostante per alimentarla. Questa riserva di liquido prezioso, che mitiga il microclima e mantiene viva la vegetazione che disinquina, sarà utilizzata nei periodi siccitosi. In questo modo l’acqua non si disperde e pertanto non si spreca ma viene restituita all’ambiente quando esso stesso ne avrà bisogno.

SILVIA PINI – IDEATRICE DI ECOVILLAGGIO MONTALE

Dopo le intense precipitazioni di questi giorni abbiamo potuto costatare come la progettazione urbanistica del nostro ecoquartiere, frutto di uno studio e lavoro multidisciplinare, e la realizzazione in termini di raccolta acque piovane con permeabilità dei suoli e rinvio in falda *FUNZIONANO*. Ciò garantisce due cose:

-maggiore sicurezza per i residenti e per l’ambiente

– mantenimento di abbondante flusso d’acqua piovana in falda da utilizzare nei periodi siccitosi per irrigare, senza sprechi, tutte le essenze che provvedono al disinquinamento e alla regolazione del microclima”.

VIDEOPILLOLA “L’ACQUA BENE PREZIOSO IN ECOVILLAGGIO”

Gli eventi climatici estremi sono destinati a diventare sempre più frequenti, per questo è necessario agire prima possibile ed intervenire in soluzione coordinata e sistematica per ridurre i rischi connessi al verificarsi di tali eventi.

Condividi su